Recensione del libro di Jay Asher "Tredici" - di Ilaria Giani

Sono 13 innocenti fino a quando non schiacciano Play”
E’ così che l’autore decide di presentare il libro in copertina; sono poche parole ma fanno immediatamente capire al lettore che quello che sta per leggere non sarà un altro romanzo con un lieto fine.

La trama:
Clay torna da scuola e fuori dalla porta trova ad aspettarlo una pessima sorpresa: sette audiocassette numerate con dello smalto blu. Ascoltandole, scopre che a registrarle è stata Hannah, la ragazza per cui si è preso una cotta. La stessa ragazza che si è suicidata due settimane prima. Quelle cassette sono il suo modo per avere l'ultima parola sulle vicende che, secondo lei, l'hanno portata alla morte: facendole scorrere, Clay scopre che il destinatario del pacchetto deve ascoltarle e poi passarle al successivo di una lista. Nelle cassette, 13 storie: ognuna legata a una persona che ha dato ad Hannah una ragione per togliersi la vita. Seppur sconvolto, non può resistere alla tentazione di esplorare a fondo la storia che lo riguarda e, guidato dalla voce di lei, visiterà i luoghi che lei vuole mostrargli, finché non gli rimarrà altro da ascoltare...
Innanzi tutto c’è da dire che questo non è il libro che generalmente sceglierei di prendere dallo scaffale in libreria, ma Tredici è stato un colpo di fulmine.
Il protagonista è Clay, un normalissimo ragazzo, con una normalissima vita, che un giorno riceve un normalissimo pacco… o forse no? Clay si trova di fronte ad una scelta, e alla fine la curiosità ha la meglio e così decide di scoprire il contenuto del pacco, decisione che cambierà la sua vita, la sua visione della vita e della persona che ha inciso la sua voce su quelle cassette 7 cassette, 13 persone, 13 storie. Così Clay inizia il suo viaggio nella mente di Hannah, che svela la sua storia, e le storie che l’hanno portata a prendere quelle pillole; si lascia guidare dalla voce della ragazza dei suoi sogni, che invita le persone sulle cassette a riflettere su quanto male può fare un apparentemente innocente pettegolezzo, o quanto è possibile rovinare la vita di qualcuno con una piccola bugia.
Tredici sconvolge. Non solo per l’inevitabile immedesimazione in Clay, ma anche perché Hannah ci colpisce violentemente con una realtà per niente lontana dalla nostra; si sentono sempre più spesso infatti storie di adolescenti che si tolgono la vita in seguito a episodi di bullismo o rapporti scomodi con i coetanei. Tutti spettegolano, e questa storia, seppur estrema, è vera.

Questo libro è pieno di stimoli che portano a riflettere e a domandarsi “Come si sentirà quella persona?” o “ Potrei ferirla dicendo una cosa del genere?”. Credo che sia questo il messaggio che vuole trasmettere Tredici: fermarsi a riflettere prima di parlare, prima di ferire una persona a tal punto di non darle altra scelta se non un gesto estremo e di non dare mai, per nessun motivo al mondo, una persona per scontata.

Commenti

  1. Ciao, bella recensione *-*
    Io l'ho trovato un libro molto forte e al contempo molto bello ed era da tantissimo tempo nella mia Wish List, quindi sono contenta di essere finalmente riuscita a leggerlo *-*
    Non mi è dispiaciuta la crudezza di alcune scene, che ritengo sia stata necessaria a far capire tutti i sentimenti e la disperazione che ha portato Hannah a quel gesto, ma allo stesso tempo ho apprezzato il fatto che la sua voce narrante non cadesse mai nel patetico o nel banale.
    Se ti interessa leggere la mia recensione la trovi qui :3 .
    Un salutone,
    Rainy

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Femminicidio - tema svolto di Eleonora Cassanmagnago 2^F

Cyberbullsimo - tema svolto di Benedetta Troni 1° F

Tema sull'adolescenza - Benedetta Di Cesare 2^F