"L’ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafon - Benedetta Di Cesare

L’ombra del vento è un romanzo scritto da Carlos Ruiz Zafon. Tratta di un ragazzo di nome Daniel. Perse la madre e visse a Barcellona con il padre. Quest’ultimo era il proprietario di un negozio di libri usati e un giorno portò Daniel al Cimitero dei Libri Dimenticati, una biblioteca in cui c’erano i libri rari, dei quali non si conosceva l’esistenza in quanto si pensava fossero stati bruciati.  Entrò in possesso di un romanzo che lo appassionò, scritto da Julian Carax. Decise di scoprire qualcosa sull’autore e si fece aiutare da  Barcelò, un amico del padre. Grazie a lui conobbe sua nipote Clara, una donna bella e affascinante da cui rimase colpito. Tra i due nacque una forte amicizia che svanì dopo pochi anni. Quando tornava a casa alla sera dopo essere stato da Clara, Daniel incontrava un uomo che si faceva chiamare Coubert e che nei libri di Carax rappresentava il diavolo. Quest’ultimo lo seguì diverse volte, minacciandolo e chiedendogli insistentemente L’ombra del vento, con le intenzioni di bruciarlo, fine che fecero tutti libri dell’autore. Daniel era solito leggere a Clara il libro, in quanto era cieca. A lei era piaciuto, così decise di regalarglielo. Dopo gli incontri con quel vagabondo, dovette andarlo a riprendere a casa di Barcelò, e durante il cammino incontrò un barbone, Fermin. Tra loro ci fu simpatia e fu impiegato  nel negozio del padre di Daniel. Daniel dopo alcuni anni, decise di riprendere i contatti con il suo vecchio migliore amico Tomas, attraverso cui conobbe sua sorella Beatrice. Tra i due ci fu attrazione ma nessuno di loro inizialmente lo ammise. Daniel decise di parlare con lei e Fermin riguardo la storia del libro. Cercarono diverse persone che avevano fatto parte della vita di Carax.  Dai racconti si scoprì che Julian era il figlio di un cappellaio, il signor Fortuny. Lui lavorava con il padre. Un giorno entrò nel negozio un uomo molto famoso e ricco in città, il signor Aldaya. Quest’ultimo volle iscrivere il figlio del negoziante, ovvero Julian, a sue spese nella scuola più prestigiosa del paese, accudendolo in casa fino a quando nacque una relazione tra Carax e Penelope, la figlia del signor Aldaya. La loro relazione fu tenuta segreta per diversi mesi fino a quando non furono scoperti e a questo punto il signor Aldaya e il signor Fortuny decisero di mandare Julian nell’esercito. Julian e Penelope avevano organizzato una fuga verso Parigi ma alla fine lei non potè più partire. Era rimasta incinta. I due amanti erano fratelli ed era questo il motivo per cui il signor Aldaya si era preso cura di Julian per tutto quel tempo durante la sua adolescenza e perché non aveva accettato la loro relazione. Daniel entrò in contatto con Nuria Monfort che era la moglie del miglio amico di Julian, e dopo la sua morte  ricevette una sua lettera. Dentro c’era scritta tutta la verità; Lei lavorava per la casa editrice a cui venivano spediti i romanzi di Julian. Un giorno si recò a Parigi per prendere di persona un suo nuovo romanzo. Stette a casa dello scrittore per due settimane durante le quali lei si innamorò di lui anche se sapeva che Julian avrebbe sempre amato Penelope. Al ritorno Miguel, il miglior amico di julian, si sposò con Nuria. Dopo che Julian, uccise a Parigi Jorge Aldaya, ritornò a Barcellona in quanto gli era stato detto che Penelope lo stava ancora aspettando. Era un tranello dell’ispettore Fumero, un suo vecchio compagno di classe e un poliziotto conosciuto da tutti in quanto si divertiva ad uccidere la gente. Una volta arrivato in Spagna era ricercato dalla polizia. Andò a casa del padre, il quale lo accolse. Nei giorni successivi Miguel lo trovò e si fece ammazzare dalla polizia spacciandosi per Julian. Quest’ultimo andò a rifugiarsi a casa di Nuria. I due andarono alla casa degli Aldaya e trovarono i corpi morti di Penelope e di suo figlio. Julian si sentì morire dentro, i suoi amici gli avevano mentito e aveva perso tutti quegli anni ad aspettare e a scrivere romanzi per una persona morta. Incominciò a bruciare tutti i suoi libri che Nuria aveva in casa e telefonò alla casa editrice che vendeva i suoi romanzi spacciandosi per un certo Lain Coubert, con l’intento di comprare tutti i libri. Il proprietario si rifiutò, in quanto sapeva che non esisteva nessuno che si chiamasse Coubert. Il giorno stesso Nuria portò al Cimitero dei libri dimenticati tutti i libri di Carax, per tenerli al sicuro. Lain Coubert era Julian, lo stesso che aveva minacciato Daniel, che lo aveva seguito e conosciuto tutta la sua vita. Si stavano cercando a vicenda. lui era ancora vivo e viveva nella casa degli Aldaya. Dopo aver letto queste parole Daniel decise di andare a trovare Beatrice a casa sua ma lei era scappata, era incinta. Andò a casa degli Aldaya, sapeva che si era nascosta li. Trovò anche Carax e Fumero. Ci fu una sparatoria; l’ispettore morì e Danielnsi riprese poco tempo dopo. Si sposò con Beatrice e dopo giorni ricevette da Carax, il quale era andato a vivere a Parigi, un suo nuovo libro.

Questo libro mi è piaciuto molto in quanto si legge molto scorrevolmente senza nemmeno rendersi conto che ci si trova coinvolti nel mezzo di una storia molto intrigante. La storia è bellissima e ricca di colpi di scena e lascia il desiderio di scoprire il finale costringendo il lettore a non smettere di leggere. Inoltre l'autore scrive molto bene e offre delle magnifiche descrizioni di Barcellona.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Femminicidio - tema svolto di Eleonora Cassanmagnago 2^F

Cyberbullsimo - tema svolto di Benedetta Troni 1° F

Tema sull'adolescenza - Benedetta Di Cesare 2^F